Lavorare nella moda grazie al web

Oggi più che mai la società si è spostata sul web con tutte le conseguenze del caso. Se in passato si usavano cartoline, chiamate e cartelloni pubblicitari per farsi conoscere, oggi conviene aprire un sito internet e i relativi canali social.

Questo è particolarmente vero nel settore della moda che ha visto la trasformazione di autentiche sconosciute in star del web e non solo. Particolarmente eclatante è la storia di Chiara Ferragni che da piccola blogger è diventata addirittura un’imprenditrice famosa in tutto il mondo. Certo, i tempi erano diversi, il web era agli inizi mentre oggi è un mercato piuttosto consolidato, tuttavia, con le dovute eccezioni è possibile usare il web per lavorare nella moda.

Evidentemente chi avrà un successo simile alla Ferragni sarà una piccolissima percentuale, ma quello che conta veramente è quello di poter vivere delle proprie passioni nonostante tutto.

Io nel mio piccolo ci sono riuscito grazie all’apertura del blog www.aprireazienda.com dove parlo di imprenditoria e non solo, ma questo sistema è applicabile anche e soprattutto a chi vuole lavorare nella moda.

Se è questo il tuo sogno/progetto, devi innanzittutto studiare le basi del web marketing che passa sia per i motori di ricerca sia per i social network. Nel settore moda è impensabile non aprire un profilo su Instagram dove poter caricare le foto delle proprie creazioni e/o prodotti. Ma attenzione, dato che i tempi sono cambiati, per avere successo dovrai per forza di cose specializzarti in una nicchia di mercato. Se fino a 10 anni fa si aveva successo anche con un canale generalista, oggi è consigliabile ritagliarsi uno specifico segmento di mercato.

Penso a un canale Instagram con sito associato dove si parla di abbigliamento per una particolare disciplina sportiva, oppure un determinato prodotto come “scarpe eleganti” e così via. Dopo aver ampiamente trattato un argomento che offre l’opportunità di uno stipendio più o meno stabile, potrai via via ampliare il settore parlando di argomenti correlati.

Come creare la propria presenza sul web

Il primo passo è l’individuazione di un nome dominio appropriato che rispecchiarà il brand. Un brand efficace è corto, facile da ricordare e soprattutto identificativo del settore. La chiarezza del brand è uno degli aspetti fondamentali del business. Ti faccio l’esempio del mio sito Aprire Azienda: è corto, facile da ricordare e rispecchia immediatamente il suo obiettivo rivolto al mondo dell’imprenditoria.

In questa fase ti consiglio di leggere molte risorse che trovi online sulla forza del brand e su come costruirne uno di valore. Se non sei un esperto informatico, puoi tranquillamente delegare la parte tecnica della creazione della presenza online lasciando concetti come hosting, server e Seo a un secondo momento. Ma attenzione, non sapere nulla della parte tecnica potrebbe costarti molto caro perché rischi di affidarti a professionisti che non hanno niente di professionale. Ecco perché non è necessario conoscere tutto nei dettagli, ma avere un’infarinatura generale non ti nuocerà affatto.

Se deciderai di seguire la strada del web, ti auguro di raggiungere i tuoi obiettivi. Gli ostacoli che affronterai saranno molti, ma non importa quante volte si cade, l’importante è alzarsi una volta in più.

Alessandro Nicoletti

Condividi questo articolo!